Ironweed

autore: William Kennedy
editore: Minimumfax
pagine: 278
traduttore: L. Bianciardi
prezzo:
euro 17,00

anno edizione: 2018

Un romanzo di straziante intensità, che si muove sul confine sottile tra la disperazione e la speranza, l’abominio e il riscatto.

Francis Phelan, ex grande promessa del football, è un uomo che ha toccato il fondo e ha guardato in faccia l’abisso quando, nello stupore dell’alcol, si è lasciato cadere dalle braccia il figlio neonato e lo ha visto morire senza far nulla. Fuggito da Albany, vi fa ritorno nel 1938 da vagabondo: scava fosse nel cimitero locale in cambio di pochi dollari, che spenderà stordendosi di liquore insieme a Helen, la barbona che lo accompagna nelle sue peregrinazioni, e vaga per le strade della sua giovinezza, cercando di venire a patti con i fantasmi del suo passato, e con quelli del presente. Romanzo di straziante intensità, che si muove sul confine sottile tra la disperazione e la speranza, l’abominio e il riscatto, «Ironweed» ha una storia che rasenta l’incredibile: respinto da tutti gli editori cui era stato dato in lettura, venne pubblicato da Viking grazie all’intercessione personale di Saul Bellow, ottenendo uno straordinario e inatteso successo culminato con l’assegnazione del premio Pulitzer. Dal romanzo è stato poi tratto un film, per la regia di Hector Babenco, con Jack Nicholson e Meryl Streep nelle parti di Francis e Helen.

Recensione

Mandaci la tua recensione su questo libro, la pubblicheremo sul nostro sito.


The following two tabs change content below.

luca

Ultimi post di luca (vedi tutti)