La dama con il ventaglio

Tra le prime professioniste che seppero farsi largo nella ristretta società degli artisti ci fu proprio Sofonisba, e questo racconto, a cavallo tra realtà e finzione, ne delinea le ragioni: l’educazione lungimirante del padre, un grande talento e una forte personalità

«Dimmi Diego, com’è la donna?».
«È sicuramente una principessa, almeno guardando l’abito e i gioielli».
Sofonisba sorride. Solo sette anni prima il mondo del piccolo Diego non conosceva sfumature sociali: c’era chi portava le scarpe e chi no. Poi si avvicina alla tela: ha ancora un passo sicuro e leggero, anche se un po’ rallentato. Diego non ha mai visto nessuna donna così leggiadra in vecchiaia: le altre trascinano le membra, lamentose. Mentre lei accosta gli occhi fino a toccare la tela con il naso e perlustra tutta la superficie dipinta. Diego tace, eccitato dall’attesa.

La pittrice in piedi davanti alla tela cerca di ricordare: aveva dipinto lei quel ritratto? È passato tanto tempo. Nonostante l’abbacinante luce di mezzogiorno la sua vista è annebbiata, gli occhi stanchi non riconoscono più i dettagli di quella Dama con il ventaglio raffigurata nel quadro. Il romanzo di Giovanna Pierini mette in scena Sofonisba Anguissola ultranovantenne a Palermo – è il 1625 – nel suo tentativo di riacciuffare i fili della memoria e ricordare l’origine di un dipinto. È questo il pretesto narrativo che introduce la vicenda biografica di una delle prime e più significative artiste italiane. Sofonisba si presenta al lettore come una donna forte, emancipata e non convenzionale, che ha vissuto tra Cremona, Genova, Palermo e Madrid alla corte spagnola. Tra i molti personaggi realmente esistiti – Orazio Lomellini, il giovane marito, il pittore Van Dyck, Isabella di Valois, regina di Spagna – e altri di pura finzione, spicca il giovane valletto Diego, di cui Sofonisba protegge le scorribande e l’amore clandestino, ma che non potrà salvare. La ricostruzione minuziosa di un’Italia al centro delle corti d’Europa, tra palazzi nobiliari, botteghe artigiane e viaggi per mare, e di una città, Palermo, devastata dalla peste, fa rivivere le atmosfere di un’epoca in cui una pittrice donna non poteva accedere alla formazione accademica e doveva superare numerosi pregiudizi sociali. Tra le prime professioniste che seppero farsi largo nella ristretta società degli artisti ci fu proprio Sofonisba, e questo racconto, a cavallo tra realtà e finzione, ne delinea le ragioni: l’educazione lungimirante del padre, un grande talento e una forte personalità.

Dialogherà con l’autrice: Maria Vittoria Capitanucci (storica dell’architettura)

Letture di: Elisabetta Oropallo

Giovedì, 15 Novembre 2018
ore 19.00

Autore: Giovanna Pierini
Editore: Mondadori Electa
Pagine: 225
Prezzo: euro 18,90

 

No votes yet.
Please wait...
The following two tabs change content below.

luca

Ultimi post di luca (vedi tutti)