Un attimo immobile

autore:  Eudora Welty
editore: Racconti edizioni
traduttore: I. Zani
prezzo: euro 17,00
pagine: 281
data pubblicazione: 2017

Quando il bandito James Murrell e il predicatore Lorenzo Dow finiscono per incontrarsi dopo una cavalcata furiosa sulla Pista di Natchez si apre al lettore un momento simbolico. Davanti a loro appare un terzo uomo, l’ornitologo Audubon, tutto assorto nei suoi disegni e nella contemplazione della natura, ed è come se il bene e il male arrivassero improvvisamente a una resa dei conti. Quale verità attende loro, e noi che li osserviamo col fiato sospeso? In “Un attimo immobile” ci sembra di ascoltare gli umori e le agitazioni di un’autrice in nuova tensione – una Eudora Welty più che mai devota alle descrizioni. Questo Sud abbandona il grottesco di “Una coltre di verde” per ripiegarsi su di sé, in una continua trasfigurazione dei luoghi e dell’anima. Osserviamo le stagioni cambiare di fronte agli occhi dei protagonisti, i fiumi rallentare, ingrossarsi, esondare, mentre la scrittura tenta un’impossibile fotografia dell’attimo. Talvolta nell’immagine si scorgono persino gli spiriti del passato: l’infanzia degli Stati Uniti, animata dai complotti di Burr, ma anche quella della piccola Josie e del suo sogno d’amore in una burrascosa notte di equinozio. Forse le paturnie della scrittrice e dei tre personaggi del racconto hanno solo una verità a cui chiedere ragioni: il tempo, contraddittorio e divino, a cui questo libro sembra rendere omaggio.

The following two tabs change content below.

luca

Ultimi post di luca (vedi tutti)